Ecocardiografia 3D

Il cuore ha una complessa morfologia spaziale, peraltro in continuo movimento, e per molti anni gli ecocardiografisti hanno dovuto ricostruirsi mentalmente una immagine delle strutture cardiache usando una serie teoricamente infinita di “sezioni” bidimensionali.
La Ecocardiografia tridimensionale in tempo reale (live Eco 3D) è una nuova tecnica di imaging con ultrasuoni che consente di valutare anatomicamente le strutture del cuore e dei grossi vasi, senza dover fare le assunzioni spaziali dell’esame bidimensionale.

In campo clinico l’utilità della Ecocardiografia 3D è stata già dimostrata per:

  • la misurazione dei volumi e delle masse delle camere cardiache (clip video a destra);
  • la valutazione della cinetica regionale del ventricolo sinistro e la quantificazione della dissincronia ventricolare (a riposo e dopo stress);
  • la presentazione di immagini realistiche della valvole cardiache (in particolare la “vista” chirurgica” delle valvole sinistre) (clip video a sinsitra);
  • la valutazione volumetrica delle lesioni regurgitanti e degli shunt mediante la ECO3D color Doppler.

Il suo impiego si va tuttavia estendendo ad altri campi della valutazione cardiologica, compresa la ecocardiografia fetale. 

L’Ecocardiografia 3D rappresenta quindi un avanzamento maggiore delle tecniche ecocardiografiche, in grado di rivaleggiare con la RMN e la TAC, rispetto alle quali ha il vantaggio del minor costo, della  facile ripetibilità, e dell’impiego anche in soggetti con protesi metalliche o affette da claustrofobia.

L’apparecchiatura in dotazione allo studio di Palermo (Philips iE33 X-matrix) consente lo studio tridimensionale transtoracico del cuore.

Video 1

Video 2

© 2011-2019 salvatorepipitone.it - Tutti i diritti riservati - Powered: EffeGrafica.it